In una calda giornata di metà Febbraio, visto le condizioni meteo ottimali, l'assenza di pericoli evidenti del manto nevoso, abbiamo deciso di fare un'alpinistica classica del Gran Sasso: salita dai 2135 metri di Campo Imperatore per la direttissima fino in vetta a 2912 metri slm, e discesa per il Canale Bissolati; dalla guida "La montagna incantata" di Luca Mazzoleni: " Discesa impegnativa che richiede buone capacità tecniche e neve sicura. La pendenza è elevata e continua. (40 gradi)...
Quando la neve, ai Prati di Tivo, arriva da est... non c'e' nulla da fare se non preparare l'attrezzatura e correre in montagna!
Per la tanto sofferta apertura degli impianti dei Prati di Tivo,la stazione ha deciso di inaugurare in assetto total Freeride, il meteo ci ha donato una finestra di bel tempo... e grazie alle nevicate dei giorni precedenti...ENJOY THE POWDER #AbruzzoVerticale
Dopo tanto tempo, una bella giornata sul Gran Sasso all'insegna dei vecchi tempi...come i vecchi tempi...con i vecchi amici: RIGHT HERE - RIGHT NOW !!! Compagnia del Freeride is back.#AbruzzoVerticale
 
 
 
 
  •  
     
     
     
     
     
  •  
     
     
     
     
     
  •  
     
     
     
     
     
  •  
     
     
     
     
     
 
 

In una calda giornata di metà Febbraio, visto le condizioni meteo ottimali, l'assenza di pericoli evidenti del manto nevoso, abbiamo deciso di fare un'alpinistica classica del Gran Sasso: salita dai 2135 metri di Campo Imperatore per la direttissima fino in vetta a 2912 metri slm, e discesa per il Canale Bissolati; dalla guida "La montagna incantata" di Luca Mazzoleni: " Discesa impegnativa che richiede buone capacità tecniche e neve sicura. La pendenza è elevata e continua. (40 gradi) L’impegno e la difficoltà del canale ne fanno una meta riservata solo a sci/snowalpinisti esperti."
A differenza delle ottime condizioni in salita,la qualita' della neve della discesa non e' stata delle migliori come pensavamo,in quanto avevamo programmato di salire piuttosto tardi, aspettando che mollasse un po, perche' pochi giorni prima avevamo dovuto rinunciare, a causa del ghiaccione, ad un altra uscita nell'altro versante dei Prati di Tivo... l'inaspettato rialzo termico ci ha colto di sorpresa e abbiamo trovato una neve non ben trasformata e quindi di qualita' non troppo piacevole per tirare belle curve sulla pendenza del Bissolati.
Arrivati alla fine del canale, con un lungo traverso siamo arrivati sulla sella di Monte Aquila, a causa dell'ora tarda siamo scesi da li fino alla base delle Fontari.
#AbruzzoVerticale
------------------------------------------------------------------------------
Il Freeride non e' un gioco e deve essere fatto in modo responsabile, in base alle proprie capacita' e secondo le regole descritte dal buonsenso e dalla legge!!!

Bissolati AbruzzoVerticale

Pubblicato in Alpinismo
Sabato, 22 Dicembre 2018 09:33

[Video] Make me Happy - Prati di Tivo

Make me Happy - Prati di Tivo

Prima uscita di stagione invernale 2018/2019 alle pendici del Gran Sasso d'Italia, con poco meno di un metro di neve fresca...
#AbruzzoVerticale



vlcsnap-2018-12-21-22h44m31s684

Pubblicato in Snow

A volte il destino crudele ci mette difronte a delle cose che l'umana ragione a spesso non riesce a comprendere... Sono pochi mesi che Roberto non é più con noi fisicamente ma continua ad accompagnare noi alpinisti con i suoi stupendi capolavori sul Gran Sasso e non solo. 
L'ultima sua opera,Smisurata Preghiera" disegnata insieme a Luca D'Andrea sulla roccia dell'anticima Nord alla vetta Orientale, e' stata dedicata al buon Pino Sabbatini poco tempo dopo che anche lui se n'era andato.

Tutto quello che leggerete di seguito e' totalmente frutto del lavoro di Roberto e Luca. Ringrazio Patrizia per avermi dato il permesso a pubblicare questa preziosa relazione e ad Alberto Graia per aver fatto da intermediario.

I "puntini rossi" che sia Luca che io avevamo visto e sognato la sera prima della scalata, mentre bivaccavamo sotto la punta.
C' è chi dice che ormai tutto si è scalato al Gran Sasso, che le vie nuove sono forzature, esercizi di autocelebrazione. E' vero, ma l' alpinista con l' occhio attento e l' immaginazione che viaggia a pari passo con la creatività, può scoprire angoli dimenticati che riservano emozioni ritrovabili soltanto su pareti lontane ed inesplorate.
"Smisurata preghiera" non è una via estrema, non è la più difficile o pericolosa che io abbia scalato al GS, ma è un' emozione che ancora oggi mi smuove dentro al pensiero. Trovarsi alla base di una pagina bianca da disegnare, segnata soltanto dalle tracce temporali che hanno scavato la roccia e indirizzano l' alpinista, è per chi ama l' alpinismo la chiave, la sezione aurea, il top...
Sono davvero un uomo fortunato, ho tutto, ho avuto la possibilità di disegnare la mia fila di "puntini rossi" su pareti mai scalate da altri.   (Roberto Iannilli) 

Pubblicato in Alpinismo
Venerdì, 02 Ottobre 2015 19:30

Freeride is not a crime!!!

Proprio come recitava uno slogan degli anni '80 a riguardo dello skate, finalmente anche il Freeride non e' piu' un crimine in Abruzzo!!!
Dopo 10 lunghi anni di trasgressioni montane la  legge regionale n. 24 dell’8 marzo 2005 viene modificata all’art. 99, è stata finalmente messa nel dimenticatoio nella seduta del 1 ottobre del Consiglio Regionale.Così dicono Il vice Presidente de Collegio Regionale Maestri di Sci Luigi Faccia e il Presidente del Collegio Abruzzo Guide Alpine Agostino Cittadini: "Un adeguamento necessario e non di poco conto alla normativa nazionale che rappresenta una svolta epocale per gli appassionati dello sci fuoripista.

Pubblicato in Alpinismo

28 Luglio 2015. La "Via delle Due Generazioni" e' un'altra delle super classiche del Corno Piccolo; aperta nel Luglio del 1981 da Roberto ed Enrico Ciato, si sviluppa per 235 metri sulla parete nord della Seconda Spalla. La via risale la parte sinistra della parete Nord della Seconda Spalla con un percorso piacevole e abbastanza logico. A parte il primo tiro che presenta delle "scaglie sonanti" e pietre smosse, la roccia e' molto buona e con 60 metri di corde,la via e' risolvibile in 5 tiri piuttosto che con i 7 che riportano le guide...come? Lo spieghero' in seguito nel report...

Pubblicato in Alpinismo
Mercoledì, 22 Luglio 2015 07:17

IL VECCHIACCIO - Corno Piccolo - Seconda Spalla

La via del "Vecchiaccio" e' una delle vie piu' ripetute del Gran Sasso e la più famosa della parete ovest della seconda spalla,generalmente la stragrande maggioranza delle cordate preferisce evitare l'ultimo tiro,quello piu' difficile e psicologico, uscendo per il tiro con i chiodi a pressione dell’Aquilotti 72. Aperta da Pierluigi Bini con Massimo Marcheggiani ed il mitico “Vecchiaccio” Vito Plumari, la via segue delle bellissime fessure e, nell’abitudine dei ripetitori, supera una placca attrezzata a chiodi a pressione - l’originale passa invece più a sinistra ed ha un passo piuttosto difficile, protetto da un recente “spit galeotto”, che però resta ben lontano. Questo tiro è stato aperto da Bini in occasione della prima ripetizione, che è stata anche la prima solitaria. La via ha un tratto di VI- nella placca dell’Aquilotti 72 ed il resto viaggia sul V grado, sempre con arrampicata elegante su roccia perfetta.

Pubblicato in Alpinismo

La Via Aquilotti 74 e' una piacevole via sulla Seconda Spalla del Corno Piccolo, aperta per l'appunto nel 1974 da Lino D'Angelo, Enrico De Luca e Dario Nibid. La via e' molto ripetuta con un itinerario dalle difficolta' non elevate consigliata nelle giornate di caldo estivo. Abbiamo deciso di ricominciare le nostre arrampicate sul Corno Piccolo dopo un lungo stop di quasi due anni, proprio su questa bella via per sfuggire all'afa di una bolla africana di alta pressione... peccato che all'ultimo tiro abbiamo trovato un po di fila e dovuto fare una repentina fuga in doppia a causa di minacciosi tuoni molto vicini...

Pubblicato in Alpinismo
Domenica, 22 Marzo 2015 17:59

Canale dei Mezzi Litri - Monte Vettore

21 Marzo 2015 - Il versante sud del Monte Vettore è solcato da diversi canali, il più "famoso" e frequentato è senza dubbio il canale dei "Mezzi Litri", il più occidentale della parete.Il versante sud del Monte Vettore è solcato da diversi canali, il più "famoso" e frequentato è senza dubbio il canale dei "Mezzi Litri", il più occidentale della parete.Dopo un primo tratto aperto il canale si stringe e dopo una breve strettoia continua nel mezzo di un vallone boscoso. Tolti gli sci si prosegue tenendosi a destra nel bosco ed in breve si raggiunge il largo "sentiero dei Mietitori" che in piano conduce alla strada di Forca di Presta.

Il Freeride non e' un gioco e deve essere fatto in modo responsabile, in base alle proprie capacita' e secondo le regole descritte dal buonsenso e dalla legge!!!
WWW.ABRUZZOVERTICALE.IT

Pubblicato in Alpinismo
Martedì, 17 Marzo 2015 07:40

Monte San Franco - Per la Valle Nord

14 Marzo 2015 - Inaspettata escursione su Monte San Franco: a causa di una rinuncia per le condizioni non ancora stabili del Monte di Mezzo, decidiamo ormai a fine mattinata di fare una sgambata sul San Franco, ma non passando per le note vie alpinistiche... Parcheggiata l'auto al bivio di Capitignano, prendiamo la strada che porta al rifugio Alessandri per abbandornarla dopo un paio di centinaia di metri puntando la cresta che porta al Monte S.Franco seguendo una linea verticale, poi per la cresta fino all'attacco della Valle dell' Inferno (omini di pietra e bolli). Discesa sul paginone nord a sinistra della Valle dell' Inferno costeggiando prima il bosco e poi seguendo la via di salita fino alla Statale 80.




 

Pubblicato in Video

Il veleno dei calabroni e delle vespe causa il doppio di reazioni di tipo allergico rispetto a quella delle api. Ma perché sia letale, servono in media 100 morsi. Lo sapevate? Ecco a voi un articolo medico sui morsi da imenotteri – ossia api, vespe, calabroni, bombi e formiche – che durante la stagione estiva in montagna possono creare molti fastidi o problemi anche gravi.

Pubblicato in Alpinismo
Pagina 1 di 3